Tecar Terapia

La Tecarterapia, nota anche come Tecar, è un trattamento elettromedicale, che permette un più veloce recupero da traumi e patologie infiammatorie dell'apparato muscolo-scheletrico. Diffusa soprattutto in ambito fisioterapico, la Tecar prevede l'utilizzo di un dispositivo molto particolare, basato sul principio fisico del condensatore e capace di generare calore all'interno dell'area anatomica bisognosa di cure.

La Tecarterapia può lavorare in due modalità: la modalità capacità, adatta alla cura dei problemi ai tessuti molli, e la modalità resistiva, indicata per il trattamento dei disturbi ossei, articolari, cartilaginei ecc. Dipendenti dall'energia erogata dal dispositivo, gli effetti biologici della Tecar sono, principalmente, tre: aumento del microcircolo, vasodilatazione e incremento della temperatura interna.

La Tecarterapia, nota anche come Tecar o Trasferimento Energetico Capacitivo-Resistivo, è un tipo di trattamento elettromedicale, che trova particolare impiego nella cura di traumi e patologie infiammatorie dell'apparato muscolo-scheletrico.Diffusa soprattutto in ambito fisioterapico, la Tecarterapia consiste in un massaggio particolare, praticato tramite uno strumento capace di ridurre il dolore e accelerare la naturale riparazione dei tessuti, laddove ovviamente ci sia un danno.

La Tecarterapia è una forma di termoterapia endogena

  • La parola "termoterapia" significa "terapia basata sul calore". L'impiego del calore con finalità terapeutiche, soprattutto in presenza di affezioni dolorose muscolari e articolari, è diffuso da diversi decenni. Alcune termoterapie che hanno preceduto la Tecar e che sono in uso ancora oggi sono: l'infrarosso, gli ultrasuoni e il laser (laserterapia).

  • Il termine "endogena" si riferisce al fatto che lo strumento per la Tecar induce la produzione di calore a partire dall'interno del corpo (calore endogeno).
    L'infrarosso, gli ultrasuoni e il laser, invece, prevedono l'utilizzo di apparecchiature che emettono loro stesse calore. Ciò vuol dire che il calore è esogeno, cioè proviene da una fonte esterna al corpo.

La particolarità del funzionamento della Tecarterapia è che lo strumento in uso stimola la produzione di calore (che è una forma di energia) da parte del soggetto in cura.


La Tecarterapia trova largo impiego nel recupero da infortuni, quali distorsioni, lesioni tendinee, tendiniti, borsiti, esiti di traumi ossei, distrazioni legamentose e problemi articolari; nel trattamento di patologie muscolari e osteoarticolari, come contratture, stiramenti e strappi muscolari, miositi, lombalgie, sciatalgie, artrosi e infiammazioni osteoarticolari; nei programmi riabilitativi post-operatori, come per esempio dopo gli interventi chirurgici per l'inserimento di una protesi.


Usi più comuni della Tecarterapia:

  • Patologie muscolari:

    • Contratture;

    • Stiramenti o strappi;

    • Contusioni;

    • Edema.

  • Patologie dolorose della colonna:

    • Lombalgie;

    • Dorsalgie;

    • Cervicalgie.

  • Patologie della spalla:

    • Tendinite e tenosinovite della spalla;

    • Tendinopatie inserzionali;

    • Capsulite adesiva.

  • Patologie del gomito:

    • Epicondilite;

    • Epitrocleite.

  • Patologie del polso e della mano:

    • Tendiniti e tenosinoviti della mano;

    • Rizoartrosi.

  • Patologie dell'anca:

    • Coxartrosi;

    • Borsite;

    • Pubalgia.

  • Patologie del ginocchio:

    • Condropatia rotulea;

    • Gonartrosi;

    • Esiti di lesioni traumatiche dei legamenti crociati anteriore e posteriore;

    • Distorsioni.

  • Patologie della caviglia e del piede:

    • Esiti di fratture;

    • Distorsioni;

    • Fascite plantare;

    • Tendinite achillea.

  • Riabilitazione post-chirurgica